Acli Parabita » Archive » Mobilità in deroga 2014 Puglia: ammessi
Acli Parabita

Mobilità in deroga 2014 Puglia: ammessi

Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 35 del 12/3/2015, la Determinazione n. 262 del 23/2/2015 sulla mobilità in deroga 2014.


Si tratta del secondo elenco di ammessi alla mobilità gennaio luglio 2014 pubblicato sin ad oggi e comprende i nominativi trasmessi dall’INPS entro la data del 18/2/2015.

Mobilità in deroga 2014 Puglia ammessi Determinazione n. 262 2015

123 risposte a Mobilità in deroga 2014 Puglia: ammessi

  1. Rocco says:

    Acli …… chi gestisce la mobilità in deroga deve solo VERGOGNARSI !
    Chi ha lavorato e versato contributi per 10-15 -20 o 30 anni ma ha terminato la disoccupazione il 01/01/2013 non ha diritto ai tre anni di mobilità .
    Chi ha lavorato per 1 solo anno e terminato la disoccupazione il 31/12/2012 ha diritto anche ai 3 anni di mobilità .
    !!! VERGOGNATEVI !!!
    Ma chi la gestisce o fa i regolamenti ha i piedi al posto del cervello ?
    VERGOGNATEVI ancora !

  2. terri says:

    Scusate ma cosa vuol dire?

  3. rosanna says:

    Ma dovranno uscire altre liste??? Grazie Acli

  4. ALEX says:

    Perchè non impongono un corso nell’uso del foglio elettronico, e di informatica in generale, ai dipendenti regionali? Magari mettevano in ordine alfabetico. Oppure redigevano i file in modo da essere fattibile una ricerca del proprio nome con l’opzione “trova” senza doversi trovare in un elenco di 2267 nomi.

    • Onofrio says:

      Caro Alex, siamo nel girone della speranza e per farci divertire ci fanno cercare le autorizzazione come fossero un gratta e vinci.

  5. lorenzo says:

    sembra ci sia un’altra determina la nr. 388…

  6. claudio says:

    lorenzo riguarda sempre la proroga oppure nuove istanze di mobilita in deroga ?

    • lorenzo says:

      claudio non ti so dire, il numero della determina me l’hanno dato in regione è riguarda nel mio caso la proroga, tieni presente che io avevo presentato la domanda a fine gennaio, quindi non potevo essere tra i primi ad essere autorizzato e sono capitato appunto nella terza determina infatti le determine sono direttamente collegate agli elenchi che in ordine cronologico l’inps di competenza invia alla Regione. Penso che comunque ci sarà almeno un altra determina successiva a questa che probabilmente includere tutte le domanda inoltrate fino al 15 febbraio 2015 che era il termine utimo per presentare le domande

  7. claudio says:

    grazie Lorenzo sei stato molto chiaro

  8. vale says:

    Non riesco a vedere elenco ammessi alla mobilità 2014 .
    clicco x lettura e non parte..un aiutino
    grz

  9. ltoto says:

    Ragazzi mi sono informato per quanto riguarda il famoso bonus di 80 euro lo recuperemo con il modello 730.

    • LORENZO says:

      …. dovrebbero essere 240 euro circa, in quanto il decreto se non erro entrava in vigore da maggio 2014, la deroga ci copre fino a luglio quindi 3 mesi…

      • felice says:

        scusate ma per gli 80 euro bisogna fare una domanda specifica per quei 3 mesi?

        • Antonio says:

          No quando farai la dichiarazione dei redditi verrà fuori il credito a tuo favore e te li daranno poi con bonifico come la mobilità.

          • felice says:

            scusa antonio non capisco da dove verra fuori la voce degli ottanta euro

            • Antonio says:

              Non vorrei dire un castroneria ma gli 80 euro in pratica è una riduzione della trattenuta Irpef per cui chi ha la busta paga si è trovato questi 80 euro in più da maggio quelli come noi che invece si sono visti pagare il 2014 nel 2015 quegli 80 euro sono diventati credito dell’anno precedente (2014) e per cui quando faremo il 730 2015 per i redditi 2014 usciranno a nostro credito 80×3=240 euro che poi ci daranno come la mobilità.

              Dal sito Inps tutti questi movimenti li vedrai poi in INVIO DOMANDE DI PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO – DETRAZIONI D’IMPOSTA (MV10) – CONSULTAZIONE.

  10. francesco says:

    Correggetemi se mi sbaglio, la Puglia E’ L’UNICA REGIONE che ha portato la mobilità in deroga da 3 a 2 anni…. dico ciò per ricordarvi quando andrete a votare, ti tenere gli occhi aperti sul nome da mettere nelle urne: non esiste destra o sinistra ma si vota la gente, e questa è quella che ci ha messo fuori quando tutta l’Italia percepisce i tre anni di indennità.
    VERGOGNA! Siamo in dittatura, fate scegliere a noi nome e cognome di chi far sedere sulle poltrone…. VERGONA!

    • biagio says:

      buongiorno, e da parecchio che non intervengo.
      voglio rispondere a francesco in quanto oltre al fatto che chiunque si voti la situazione è sempre la stessa, come dico da una 20 anni: i colori delle bandiere (politiche) sono sbiadite e le persone cambiano bandiere facilmente, vorrei dire che da quello che ho capito la regione puglia ha pagato i sette mesi del 2014 riferendosi al decreto dell’anno precedente e che comunque anche loro si devono adeguare al nuovo decreto sugli ammortizzatori sociali, questo sia per poter ottenere altri soldi sia per passare la patata bollente alla nuova giunta.Grazie.

  11. vale says:

    X le 80 euro fai una domanda a te stesso,

  12. felice says:

    vale di certo non ho votato renzi ma dato che tutto e aumentato eccome che me li prendo

  13. vale says:

    GRZ x avere capito
    CIAO

  14. alebari86 says:

    Salve amici ma cm fare x recuperare gli 80 euro di renzi? ??

  15. luca says:

    Buongiorno, qualcuno da br e prov che ancora non vede il pagamento? grazie

  16. claudio says:

    biagio io sono daccordo con te.anzi io penso che la regione puglia,leggendo bene i due accordi 18/12 e 9/1 e anche le ultime determine si e’ gia’adeguata al decreto del 1/8/14.
    Io penso che dopo aver pagato le proroghe pagheranno anche la mobilita’secondo il nuovo decreto.per quello che mi riguarda io ho fatto i 24 mesi a novembre 2013,ho presentato la domanda secondo il nuovo decreto e risulta nel sito inps traferita alla sede e completata il 12/2/14.Qualcuno e’ nella mia stessa situazione?

  17. Luca says:

    Io prov di Brindisi.. Boh.. Non ho idea perchè.. Hai sentito inps?

    • Marcello says:

      Si ma non vedono il pagamento

      • Luca says:

        Stessa risposta A me.. Strano..

        • LUCA says:

          Altri nella stessa situazione? che fare?

          • elisa says:

            Salve, scusate mi spiegate bene la situazione ? io ho completato tutti i 24 mesi , questa domanda di proroga dei 24 mesi si può fare si o no ?

          • big says:

            ragazzi pagano solo fino ai due anni poi sono cavoli nostri a me i due anni scadevano ad aprile 2014 , ho fatto la domanda gennaio luglio, ma hanno pagato solo fino ad aprile, ho telefonato ALL’INPS e mi hanno confermato quanto detto prima . Per quanto riguarda gli 80 € famosi nessuno ti dice che se hai un reddito troppo basso come la maggior parte di noi , non ha diritto quindi il messaggio per la PUGLIA è ARRANGIATEVI ma…. vaffa…..lo governo di ………

            • luca says:

              ciao…io ho fatto solo 7 mesi di mobilita’…sono stato autorizzato con la 139…. ma nessuna traccia di pagamento…non ho superato i 2 anni quindi….

              ho chiamato in regione ed al numero verde inps…ma nessuno sa dirmi nulla….

  18. mauro79 says:

    Salve a tutti, c’è qualcuno della Puglia che deve ancora percepire 6 mesi del 2013 ?

  19. claudio says:

    ragazzi che avete avuto i 7 mesi per l’anno 2014 con la proroga
    ormai non avrete piu’niente,al massimo i 3 mesi, perche’ora pagheranno per l’anno 2014 quelli che hanno fatto la domanda dopo aver superato i 24 mesi applicando il decreto ministeriale 1/8/14.c’e'da vedere come si faranno le domande per il 2015 ma temo sia ancora presto e coperture permettendo.le domande di prima istanza secondo il decreto sono state gia’trasferite alla sede me lo ha confermato l’inps.

    • big says:

      quindi Claudio chi ha superato i due anni gli spetta ancora qualcosa o no perchè a me hanno detto di “attaccarci”

      per favore rispondici!!!

    • Cosimo says:

      Scusa Claudio io ho presentato la domanda per la proroga anche se ho superato i 24 mesi, alla regione dicono che non abbiamo diritto, come fai a sapere che ora dovranno pagare anche a noi?

  20. claudio says:

    chi ha presentato la domanda e ha superato i 24 mesi dovrebbe essere considerata prima istanza di mobilita in deroga secondo il decreto del 1/8(tutti i siti web dicono che la puglia ha applicato il decreto e anche il verbale del 9/1/15 parla di applicazioni residuali).chi non ha percepito aspi,mini aspi,o disoccupazione agricola dovrebbe averne diritto.il caf mi ha detto questo.aspettiamo i prossimi giorni e teniamoci informati.

  21. baldo says:

    Scusami claudio sono baldo, io che ho finito la mobilita in deroga il 23/03/2014, ho la possibilita di prendere fino a luglio 2014 ? Grazie per una tua risposta.

  22. claudio says:

    Baldo tu secondo il decreto del 1/8 dovresti prendere 3 anni perche’ sono le nuove normative.avendo pero’fatto domanda come proroga perche’non avevi superato i 24 mesi ti hanno stoppato appunto ai 24 mesi.ora non puoi presentare la domanda di prima istanza del nuovo decreto perche’ scadevano il 15 febbraio e quindi o si presentava la proroga o la prima istanza.ora bisogna vedere cosa decidono dalla regione sulle nuove domande.
    Ragazzi comunque una cosa e’ certa :la mobilita’in deroga cessera’credo nel 2016/ 2017 e la regione puglia deve adeguarsi PER FORZA!!

    • baldo says:

      Scusami claudio a questo punto il padronato mi ha fatto perdere quei mesi che mancavano ai tre anni!!!!

    • alebari86 says:

      Ciao ho a avuto comunicazioni dalla regione Puglia dal dirigente dottorato lella per noi nn c’è piu nessuna speranza mi scrive che col accordo del 7 agosto siamo completamente fuori

  23. claudio says:

    baldo il patronato non ha sbagliato,abbiamo fatto tutti la stessa domanda e’l'inps che poi istruisce le pratiche secondo quello a cui si ha diritto.tu non avendo finito i 24 mesi dovevi prima terminare secondo il vecchio accordo della regione.
    acli puoi confermare queste notizie che mi hanno dato?

  24. lorenzo says:

    intanto va anche detto che, quest’anno abbiamo fatto domanda relativa al 2014, cioè dopo il nuovo decreto dell’1/8, quindi a prescindere da cosa succederà va detto che per l’anno passato ci spettano non 7 ma 10 mesi cosi come stabilito dal decreto

  25. claudio says:

    Scusa Lorenzo ma la determina n.388 esiste davvero?non l’ho vista da nessuna parte.

  26. Valentina says:

    volevo fare una domanda: ma la domanda per la mobilità quando l’avete presentata?!

  27. claudio says:

    Scusa alebari86 tu hai fatto comunque la domanda e risulta nel sito dell’inps?hai percepito la mobilita ordinaria,o aspi,miniaspi o disoccupazione agricola?e secondo lui chi sono quelli che rientrerebbero?che l’hanno fatto a fare il decreto?io ragazzi continuo a non crederci.

  28. laura says:

    buongiorno,io sono stata pagata con determina n 262,scrivo qui x io fratello ke con stessa determina nn ha ricevuto ancora nulla.Ho kiamato al call center x avere informazioni e la risposta ke hanno dato è la seguente:nn verrà pagato in quanto nn proviene da disoccupazione,ne mobilità ordinaria ecc.Lui era apprendista e tutte le altre proroghe ke ha fatto fino ad ora è sempre stato pagato.Poi se è già stato autorizzato dalla regione,perkè adesso l’inps dà questa risposta?Qualcuno ha ricevuto la stessa risposta?

  29. rita says:

    Gent.ssima Laura temo che tuo fratello debba restituire tutto l’indovuto indietro…
    è successo ad una mia amica che d’apprendista percepiva normalmente la mobilita’ ma poi un bel giorno la lettera del direttore dell’Inps con le dovute scuse la invitava a restituire tutto cio’ che aveva percepito in quanto l’Inps aveva sbagliato l’istanza…
    Mi spiace….

  30. claudio says:

    cosimo ma tu hai avuto il sostegno al reddito? o risulti escluso con qualche domanda fatta? o ti sei fermato a febbraio 2013?perche’ chi ha terminato i 24 mesi e poi ha avuto il sostegno a reddito di 5 mensilita’ e’ escluso dal decreto del 1/8/14.
    se leggete comunque le determine la puglia si e’adeguata perche’nell’ultima proroga fanno riferimento al decreto.

  31. Cosimo says:

    Si Claudio ho avuto il sostegno al reddito ma ho presentato ugualmente la domanda di proroga perchè parlando con un avvocato ha detto che anche noi avevamo diritto secondo il decreto del 1/08/2014

  32. claudio says:

    cosimo in effetti il decreto dice che sono esclusi quelli che hanno percepito la mobilita ordinaria,l’aspi,miniaspi e disoccupazione agricola.pertanto dovrebbero rientrare solo quelli che hanno percepito la disoccupazione ordinaria.quindi la cerchia si e’ ristretta molto.
    vi dico anche una cosa.l’accordo per il 2015 e’ stato sottoscritto il 9/1 e dice che tutto e’rimesso al decreto del 1/8/14 pertanto le domande andavano presentate entro 60 giorni dal verbale.voi che dite e’ cosi?o mi sbaglio?

  33. regpulla says:

    Buon PACCO a tti voi

  34. felice says:

    scusate se qualcuno mi puo dare una delucidazione io avrei dovuto finire i 24 mesi a ottobre 2014 in teoria con la domanda che ci hanno fatto fare quest’anno percepiro solo i 7 mesi fino a luglio per gli altri tre mesi dovrei fare una domanda a parte??

  35. terri says:

    Sinceramente anche x me e lo stesso mi mancano 2 medi a due anni ma il mio csf mi ha detto se ci sara’un altra domand io rientro .boo!!

  36. Antonio says:

    Anche io mi trovo nella stessa situazione e come me molti infatti sono entrati in mobilità ad agosto-settembre-ottobre-novembre e dicembre 2012 e che non hanno finito i 24 mesi.

    Credo che una volta effettuato a tutti il pagamento dei 7 mesi faranno l’altra per il completamento dei 24 mesi perchè almeno quelli ci spettano.

    Domanda per Acli

    noi che ancora non abbiamo completato i 24 mesi rientramo in quel discorso dei 7+3 mesi per il 2014?

  37. baldo says:

    Spett.le acli io ho finito la mobilita in deroga dei 24 mesi il 23/03/2014 sono stato pagato fino a quella data. Domanda , ma io non dovevo essere pagato fino a luglio 2014 ? Mi sono scordato il fecreto qual’era. Grazie

  38. alessandra says:

    Salve, volevo sapere se qualcuno ha fatto i corsi quelli pagati dalla regione e se e’ stato pagato o cmq dove chiamare per sapere quando effettueranno il pagamento.

  39. vale says:

    Per MARIANO e a chi può interessare vedo pagamento MOBILITA gennaio-luglio 2014 in data 20-4

    ciao
    vale di giovinazzo

  40. Cosimo 59 says:

    salve domanda rivolta ha chiunque mi puo aiutare : i pagamenti della cassa integrazione vengono visualizzati sul sito inps!!! grazie a chiunque mi puo rispondere.

  41. Michela says:

    Per alessandra.ho finito i corsi a gennaio e non ho ricevuto ancora niente!!!!
    Per vale: ciao vale tu sei stata pagata la mobilita.io risulto nell elenco ammessi.ma del pagamento ancora niente.!!!

  42. ferdy says:

    Gent.mi dell’ACLI vorrei un chiarimento.Nel 2014 ho ricevuto come mobilità in deroga 3264 euro netti e 750 euro di trattenute irpef. Nella CERTIF.UNICA del 2014, i soldi che ho ricevuto sono inseriti alla voce “COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA”. La domanda è questa: è vero (a detta del mio commercialista) che quei 750 euro non li posso recuperare con la dichiarazione dei redditi? In attesa di riscontro ringrazio e saluto cordialmente Ferdy

  43. Scusate ms qualcuno dri voi ha percepito le 80 euro?

  44. Valentina says:

    ciao a tutti! io ho presentato la domanda per la mobilità in deroga uno degli ultimi giorni disponibili prima del 10 di febbraio 2015. ho visto gli elenchi ma non rientro ne in quelli ammessi a riceverlo ne in quelli non ammessi e sul sito dell’ inps mi dice che la domanda è stata indirizzata alla sede! qualcuno mi spiega come funziona?!

  45. claudio says:

    valentina probabilmente ci sara’ancora una determina prova a chiedere alla regione .il servizio ora e’ sospeso fino al 22/4.

  46. roberto says:

    Salve una domanda per acli,ho saputo che chi ha finito la mobilità in deroga nel 2013 presentando quest ultima domanda,ha percepito le altre 7 mensilità sino a luglio.Ora mi chiedo ma io che ho finito i due anni a marzo ed ho percepito sino a quella data la mobilità devo presentare adesso una nuova domanda?Grazie saluti.

    • domenico says:

      Ciao Roberto, io sono nelle tue stesse condizioni, ti chiedo, sono certe le informazioni che hai saputo?

    • No, l’accordo prevedeva che si avesse diritto fino al raggiungimento dei 24 mesi.

      • roberto says:

        Non penso che mi abbiano preso in giro,ma l inps di casarano ha pagato i 7 mesi a chi ha fatto l ultima domanda di mobilità in deroga ed aveva terminato i 2 anni a dicembre 2013.Se qualcuno è in questa situazione magari aggiorniamoci.GRAZIE

  47. fieramosca669 says:

    Al via lo stanziamento di oltre 478 milioni di euro per il pagamento degli ammortizzatori in deroga. Lo specifica una nota del ministero del Lavoro, in cui si legge che con la firma del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, “diventa operativo il decreto interministeriale, già firmato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che stabilisce la ripartizione delle risorse da destinare alle singole regioni per il pagamento delle somme ancora dovute ai titolari dei trattamenti di Cig e mobilità in deroga, per il periodo fino al 31 dicembre 2014″.

    La somma complessiva, “posta a carico del Fondo Sociale per l’Occupazione e la Formazione, è di 478 milioni e 763.551 euro”. La nota sottolinea inoltre come questo provvedimento sia stato adottato “con circa tre mesi di anticipo rispetto a quello dello scorso anno” con la stessa finalità riferita però al 2013.

  48. terri says:

    Scusa allora potremo fare la domanda ? O ancora non si sa niente

  49. fieramosca669 says:

    Simoncini (Regioni): incontro con ministro Poletti su Cig e Centri per l’impiego

    giovedì 26 marzo 2015

    Roma, 26 marzo 2015 (comunicato stampa) “Abbiamo offerto al Governo tutta la nostra collaborazione per la soluzione dei problemi sia relativi alla cassa integrazione che per i centri dell’impiego, al fine di seguire un percorso comune che superi le gravi situazioni presenti”.
    Così l’assessore Gianfranco Simoncini, coordinatore della materia lavoro per la Conferenza delle Regioni, dopo l’incontro al Ministero del lavoro con il ministro Giuliano Poletti sul tema del finanziamento degli ammortizzatori sociali.
    “Siamo andati dal Ministro – ha spiegato Simoncini – chiedendo che si arrivasse rapidamente all’emanazione del decreto che permettesse di coprire tutto il 2014, superando così le situazioni di difficoltà che vivono decine di migliaia di lavoratori. Al tempo stesso abbiamo chiesto anche che si attivino le risorse del 2015, sottolineando che siamo già ad aprile.
    Il Ministro ha presentato le misure che intende mettere in atto finalizzate nelle prossime settimane, all’emanazione di un decreto che copra tutte le domande che le Regioni hanno ferme per mancanza di risorse.
    Si tratterebbe quindi di un atto che metterebbe a disposizione delle regioni dai 480 ai 500 milioni per chiudere tutto il 2014, anche grazie al contributo che le Regioni Calabria, Sicilia e Sardegna daranno attraverso la riprogrammazione con proprie risorse.
    Nei prossimi giorni si svolgeranno incontri ravvicinati bilaterali tra le regioni e il ministero del lavoro per la puntuale definizione del riparto.
    Inoltre abbiamo chiesto che insieme al decreto per il 2014 sia emanato un decreto che attribuisca risorse per il 2015. In tal senso il Ministro Poletti ha assicurato che nel bilancio dello Stato ci sono le risorse per coprire tutto l’anno. Questo decreto, quindi, permetterebbe alle regioni di cominciare ad autorizzare la Cig a quelle aziende che ne hanno fatto richiesta dall’inizio dell’anno.
    Il Ministro si è riservato di dare una risposta in merito, pur ritenendo ragionevole la richiesta da parte delle Regioni.
    Per quanto riguarda invece la riorganizzazione dei Centri per l’impiego, l’incontro è servito per ribadire la fortissima preoccupazione rispetto non solo per il loro futuro, ma soprattutto per mettere in rilievo l’emergenza nella quale si trovano quasi tutte le Province. E’ tale, infatti, la situazione “di limbo” in cui si trovano i servizi per il lavoro provinciali, grazie al combinato disposto della riforma delle Province e del jobs act. Molte province infatti denunciano il rischio che nelle prossime settimane possano trovarsi nella impossibilità di pagare gli stipendi ai dipendenti, con il conseguente blocco delle attività di questi servizi fondamentali per il lavoro e per il sostegno all’occupazione.
    La Conferenza delle Regioni ha pertanto consegnato al Ministro un’ipotesi di riordino dei servizi per il lavoro che punti sia ad un rafforzamento del livello centrale di coordinamento delle politiche del lavoro, sia al mantenimento a livello territoriale di questi servizi.
    Il ministro ha fatto le sue valutazioni e l’incontro si è concluso con l’attivazione di un tavolo di confronto ravvicinato per arrivare a una ipotesi di proposta condivisa da presentare a Governo e Conferenza delle Regioni”.

    Leggendo l’articolo mi sembra chiaro che gli ammortizzatori sociali in deroga saranno rifinaznziati anche per il 2015. Ciò che non comprendo è il fatto che le altre regioni pagheranno tutto il 2014 ma la Puglia no!

  50. claudio says:

    La Puglia con la proroga (mettendo in atto il verbale di accordo gia’di marzo 2014)ha pagato
    la mobilita per il 2014 a chi non aveva superato i 24 mesi ora bisogna vedere che fa per la
    applicazione del decreto ministeriale 1/8/2014.qualcuno ha ricevuto una risposta scritta dalla regione che non applica il decreto?

  51. claudio says:

    ho inviato una mail alla regione per l’applicazione del decreto 1/8/2014 mi hanno risposto che la mobilita si ferma al 31/7/2014 con una durata massima di 24 mesi.

  52. terri says:

    E x chi non ha finito i 24 mesi ?

  53. fieramosca669 says:

    Da quanto si legge la mobilità in deroga per il 2015 sarà erogata!

    Il governo mette sul piatto un miliardo di euro per rifinanziare gli ammortizzatori sociali in deroga 2015. Entro il 2017 gli attuali sostegni in deroga saranno tuttavia messi da parte.

    Il Consiglio dei Ministri di lunedì scorso ha stanziato un miliardo di euro per la cassa integrazione e la mobilità in deroga per l’anno 2015. La misura arriva dopo la decisione di due settimane fa con la qualle sono stati sbloccati circa 479 milioni per chiudere le pendenze 2014 nelle regioni in cui le domande presentate avevano superato quelle preventivate. Le risorse saranno disponibili a breve: il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha spiegato che la somma è stata trasferita dal fondo per il Jobs act a quello per l’occupazione in modo tale «da poter partire con i pagamenti» delle istanze presentate quest’anno. Dal 2015, però, le regole in vigore per i sussidi in deroga sono diventate più stringenti con criteri meno elastici.
    Come previsto dal Dm 83473/2014 del 1° Agosto 2014 la Cassa integrazione in deroga potrà essere concessa quest’anno infatti per un massimo di 5 mesi e dal 2016 è destinata a scomparire. Discorso simile per la mobilità in deroga dato che quest’anno potrà essere erogata solo nei confronti dei lavoratori che abbiano fruito per meno di 3 anni dello strumento e sino ad un massimo di 6 mesi l’anno (8 mesi per le regioni del Mezzogiorno). Dal 1° gennaio 2017 anche questo strumento sarà superato.

    Ad aprile intanto le ore autorizzate di Cig sono state circa 61 milioni, con un calo di quasi il 37% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A crollare è soprattutto la cassa integrazione in deroga (77,3% sul tendenziale), a causa proprio delle difficoltà di finanziamento dell’istituto. Complessivamente, da gennaio ad aprile, (in valori cumulati) sono state autorizzate 231,3 milioni di ore di cassa integrazione, con una riduzione del 40,9% sullo stesso periodo 2014 (guardando ai settori: industria, 34,3%, edilizia, 33,7%, artigianato, 83,4 per cento). La cassa integrazione ordinaria (la Cigo, per situazioni di difficoltà temporanea) si è ridotta del 25,%; la Cigs (per le aziende in crisi più strutturale) del 31,8 per cento. La Cig in deroga dell’80,9 per cento (qui si sconta sempre la mancanza di risorse).

    Leggi Tutto: http://www.pensionioggi.it/notizie/lavoro/ammortizzatori-in-deroga-il-governo-stanzia-un-miliardo-per-il-2015-675788#ixzz3alMvMdOO

  54. fieramosca669 says:

    ROMA

    Il governo conferma la dote di un miliardo di euro per gli ammortizzatori sociali in deroga 2015. Le risorse saranno disponibili a breve: il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, al termine del Consiglio dei ministri di ieri, ha spiegato che la somma è stata trasferita dal fondo per il Jobs act a quello per l’occupazione in modo tale «da poter partire con i pagamenti» delle istanze presentate quest’anno (i ministeri del Lavoro e dell’Economia, due settimane fa, hanno sbloccato circa 479 milioni per tentare di chiudere le pendenze 2014).

    Il miliardo di euro “riposizionato” dal governo non saranno, quindi, nuove risorse: ma i dati sulla richiesta di cassa integrazione diffusi sempre ieri dall’Inps fanno ben sperare. Ad aprile le ore autorizzate di Cig sono state circa 61 milioni, con un calo di quasi il 37% (36,9% per la precisione) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A crollare è soprattutto la cassa integrazione in deroga (-77,3% sul tendenziale), ma qui si sconta il noto problema di finanziamento dell’istituto (i 479 milioni messi sul piatto nei giorni scorsi dall’esecutivo devono ancora avere effetto).

    Certo, bisognerà aspettare il dato del tiraggio (cioè l’effettivo utilizzo delle ore richieste dalle aziende) per capire se i fondi attualmente disponibili per quest’anno (un miliardo) saranno effettivamente sufficienti (nel 2014 sono stati impegnati poco più di 1,7 miliardi).

    Nel frattempo , però, le regole in vigore per i sussidi in deroga sono diventate più stringenti con criteri meno elastici.

    Complessivamente, da gennaio ad aprile, (in valori cumulati) sono state autorizzate 231,3 milioni di ore di cassa integrazione, con una riduzione del 40,9% sullo stesso periodo 2014 (guardando ai settori: industria, -34,3%, edilizia, -33,7%, artigianato, -83,4 per cento).

    La cassa integrazione ordinaria (la Cigo, per situazioni di difficoltà temporanea) si è ridotta del 25,%; la Cigs (per le aziende in crisi più strutturale) del 31,8 per cento. La Cig in deroga dell’80,9 per cento (qui si sconta sempre la mancanza di risorse).

    «Siamo tornati ai livelli del 2011 – commenta l’economista del lavoro, Carlo Dell’Aringa -. L’utilizzo minore è dovuto alla ripresina dell’attività economica , la stessa che ha fatto salire il Pil. Ma la svolta è ancora lontana, e tutta da consolidare».

    Guardando infatti nel dettaglio i dati dell’Inps spicca come, a livello destagionalizzato, la Cig generale ad aprile segni una variazione congiunturale pari a + 3,6 per cento. A salire, sul mese, è essenzialmente la Cigs che cresce dell’8,8% a testimonianza di come «molte grandi imprese, industriali e dei servizi, siano nel pieno di complicati processi di ristrutturazione o, addirittura, di dismissione di intere aree», ha evidenziato, con preoccupazione, Guglielmo Loy (Uil): «Finchè il tanto ventilato venticello di ripresa non si tradurrà in effetti positivi sull’occupazione – ha aggiunto Loy – crediamo sia opportuno e necessario che il governo rifletta sull’importanza dello strumento della cassa integrazione, prima di procedere verso una strada che ne ridurrebbe l’utilizzo».

    Ogni lavoratore in Cig a zero ore nel 2015 «ha già perso oltre 1.900 euro al netto delle tasse e si è già determinata una riduzione nel monte salari di oltre 650 milioni netti nelle tasche dei lavoratori coinvolti», ha spiegato Serena Sorrentino della Cgil: «Siamo a un punto cruciale in ragione di alcune questioni aperte: la fine della deroga e la mancata sostituzione di uno strumento che copra i settori scoperti da Cig; il mancato ri-finanziamento dei contratti di solidarietà difensivi; l’approssimarsi della scomparsa della mobilità e il suo assorbimento nella Naspi. Senza considerare che a oggi siamo ancora in attesa dei pagamenti per la deroga del 2014 in molte regioni».

    Quindi «è ancora presto per dire che siamo usciti dal tunnel – ha sintetizzato, Gigi Petteni della Cisl: «Si dovrà ora verificare l’impatto occupazionale immediatamente successivo: ossia ci può essere il rischio che anziché un rientro in azienda o un nuovo lavoro, i cassintegrati enumerati nel calo di utilizzo siano passati a una fase di disoccupazione o di altra tipologia di ammortizzatori».

    Dai dati Inps diffusi ieri emerge, poi, che nel mese di marzo sono state presentate 86.316 domande di Aspi, 27.846 domande di mini-Aspi, 263 domande tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 4.361 domande di mobilità, per un totale di 118.786 domande, il 15,5% in meno rispetto alle 140.571 del mese di marzo 2014 (dal 1° gennaio 2013 sono in vigore le prestazioni Aspi e mini-Aspi introdotte dalle legge Fornero. Pertanto, le domande che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 continuano a essere classificate come disoccupazione ordinaria mentre, per quelli avvenuti dal 1° gennaio 2013, le domande sono classificate come Aspi e mini-Aspi).

  55. andrea says:

    Ragazzi io ho terminato i 24 mesi a giugno 2014 e sn stato pagato fino ad allora.
    Ho iniziato a lavorare a febbraio 2015, da giugno fino a febbraio mi tocca qualcosa? È stato rifinanziato altro?
    Scusate ma sono molto assente…

  56. claudio says:

    Ho notato sul sito inps domanda completata in data 28/5/2015 e reiezione 28/5/2015 qualcuno vede la stessa cosa?ho fatto 24 mesi a novembre 2013.si sa qualcosa?

  57. Antonio says:

    Qualcuno nella dichiarazione dei redditi ha poi trovato i famosi 80 euro di Renzi?

  58. vale says:

    riprova alle prssme elezioni

  59. gianluca says:

    buonasera a tutti ma per quelli che hanno finito la mobilità a dic 2013 non spetta piu niente ma proprio niente ?si parlava di proroga? io cmq la domanda l ho fatta a febr ma ne devo fare un altra? aiutatemi qualcuno mi risp

  60. massimo says:

    salve volevo sapere un informazione , sto in mobilita ordinaria posso essere assicurato per cinque giorni senza perdere diritto alla prestazione ?

  61. rita says:

    Buongiorno a tutti, a me mancherebbero ancora 2 mesi per completare i 24 mesi di mobilita’ che ho ricevuto fino al 31-07 2014…
    Pensiate che ci sara’ probabilita’ che ci paghino ?

  62. terry says:

    Anche a me mancano d ue mesi ma mi e stato dett
    o un mese fa dalla regione che sono persi e non abbiamo diritto a piu niente .grazie a renzi la regione e tutti!

  63. mariano says:

    VIDENZA REGIONE PIEMONTE
    17-6-2015 – AVVISO
    MOBILITÀ IN DEROGA – PAGAMENTO DELLE DOMANDE DI PROROGA 2015

    Leggi tutto
    Si comunica che, essendo completato l’adeguamento del sistema informatico alle modalità gestionali 2015 e rilasciati i relativi codici di intervento (v. l’avviso del 5 giugno scorso), le sedi territoriali INPS hanno dato avvio questa settimana alle procedure di liquidazione delle domande autorizzate di mobilità in deroga.

    Si precisa che, dati i tempi tecnici di gestione dei pagamenti, quantificabili in una decina di giorni fra l’atto di liquidazione e l’effettiva disponibilità delle risorse per i beneficiari, gli importi liquidati in questa fase iniziale saranno accreditati sui conti correnti dei lavoratori interessati verso fine giugno.

    Si rammenta che l’autorizzazione regionale riguarda per il momento solo i primi tre mesi dell’anno; il secondo trimestre verrà autorizzato quando si renderanno disponibili ulteriori risorse. Si ribadisce infine che nel 2015 vengono accolte solo le domande di proroga presentate da lavoratori titolari di mobilità in deroga nel 2014 e che, vista la nuova normativa introdotta dal Ministero del Lavoro, operativa in Piemonte dal mese di settembre 2014, non è possibile concedere nuove indennità in deroga a chi ha terminato la fruizione di un precedente ammortizzatore sociale: con l’esaurimento delle proroghe relative al primo semestre 2015 e a seguito della progressiva entrata a regime del nuovo sistema di ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act, quindi, l’intervento si può considerare definitivamente chiuso.

  64. marco says:

    mariano ma come mai la Puglia si e’ fermata con le delibere?ho chiamato la regione e dicono sempre che la mobilita’e’ ferma al 31/7 poi e’finita.questo non e’vero ma le delibere per le nuove istanze con il decreto del 1/8/2014 non le fanno ancora?

  65. fieramosca669 says:

    Ammontano a 43 milioni di euro le risorse relative all’anno 2015 stanziate dal Governo per gli ammortizzatori sociali in deroga della Regione Puglia.
    “Nella giornata di ieri il Ministero competente ci ha comunicato l’assegnazione della cifra di 43,4 milioni di euro utili a finanziare i trattamenti di cassa integrazione in deroga dei pugliesi – ha detto Sebastiano Leo, neo assessore al Lavoro della Regione Puglia – È una cifra importante, che ci permetterà di dare risposte alle istanze finora pervenute. Resta il rammarico per la decisione del Governo di ridurre, proprio a partire dal 2015, da 11 a 5 le mensilità previste per i lavoratori in cassa integrazione. Si tratta, difatti, di una scelta che rischia di ripercuotersi sul sistema delle imprese pugliesi escluse dagli ammortizzatori ordinari e di produrre nuovi licenziamenti in realtà produttive che avrebbero la possibilità di affrontare e superare la crisi. Proprio per questo motivo la Regione Puglia ha provato a sperimentare politiche regionali di sostegno al reddito e all’occupazione volte a supplire il progressivo disimpegno di risorse statali. In queste ore – ha concluso Leo – sto approfondendo, con la collaborazione degli uffici competenti, i principali dossier presenti sulla mia scrivania al fine di avere un’attenta analisi di contesto”.

    • Marcello says:

      Salve,per chi vuole rispondere:ma chi ha preso i sette mesi ( gennaio / luglio) ha preso anche i tre mesi di bonus?Grazie

      • Antonio says:

        Non abbiamo preso un bel niente si diceva che sarrebbe venuto fuori come credito nella dichiarazione dei redditi invece a me personalmente così non è stato niente di niente.

  66. terry says:

    Questo cosa vuol dire noi che avanziamo ancora qualche mese del 2014 li potremo avere ?

  67. antonio says:

    Buongiorno, vorrei sapere se ci sono novità in merito alla mobilità in deroga per il periodo Agosto-Dicembre 2014. Mi è stato pagato nel 2015 il periodo Gennaio-Luglio 2014, ma ho diritto fino ad Agosto 2014. Bisogna fare una nuova domanada?
    Grazie

  68. Marcello says:

    Buonasera,C è qualcuno che ha notizie sulla mobilità in deroga periodo agosto-dicembre 2014? Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = 14

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Categorie
Archivi
Cerca:
sostieni-acli-parabita